Obanos → 2.50 → Puente la Reina [Gares] → 5.00km → Mañeru

Altitudine
350
To end of camino
676.60
Bancomat
Yes
Bar
Yes
Fermata dell’autobus
Yes
Ufficio postale
Cerco Viejo 9, 31100,Mon-Fri: 0830-1430 & Sat: 0930-1300,948 340 620
Negozio di alimentari
Yes
Centro medico
Yes
Farmacia
Yes
Piscina pubblica
Yes

Ci sono un paio di chiese in paese degne di una visita veloce: la Chiesa del Crocifisso (che ospita, appunto, un crocifisso piuttosto particolare: a forma di Y) e la Chiesa di Santiago (con il suo caratteristico San Giacomo nero). Dal ponte nuovo si ha la vista migliore sul ponte vecchio.

Festività

Puente la Reina ha come patrono San Giacomo, che si festeggia dal 24 al 30 luglio. A settembre si celebra anche qualche festa del raccolto, tra cui quella dei i peperoni rossi coltivati sulle colline tra qui ed Eunate.

Storia

Il nome di questo paese è stato attribuito romanticamente al presunto benefattore che finanziò la costruzione del ponte sul Río Arga. È un pensiero carino, ma non del tutto fedele alla realtà: gli storici, infatti, si interrogano su quale regina del XI secolo l’abbia fatto erigere. Una cosa è certa: il brigantaggio rimase una problematica persistente durante la crescita del paese, tanto che nel XIII secolo furono costruite delle mura per proteggerlo.

Erano mura rettilinee e non molto più vaste della dimensione attuale del paese. Poco rimane di esse:
Calle Cerco (cerco significa muro): delle 26 torri presenti in origine, la maggior parte sono state inglobate in abitazioni private. La costruzione in pietra all’interno dell’Hotel Cerco ne è un esempio evidente.
Il cancello del paese, che si apre sul ponte. Delle 4 porte originali ne resta solo una.

Il cammino

Il cammino lascia Puente la Reina attraverso l’omonimo ponte. Dopo di che gira a sinistra, attraversa la strada principale e prosegue lungo un sentiero. Poco dopo ha inizio una breve ma ripida salita su un terreno che può risultare molto scivoloso in caso di umidità.